Nutraceutica e neurodegenerazione

Nutraceutica Cesena – Dr. Micucci Matteo

Nutraceutica e neurodegenerazione, quali evidenze sui funghi medicinali?Focus sul genere Sarcodon Le malattie neurologiche e neurodegenerative costituiscono condizioni disabilitanti e rappresentano una grave minaccia per la salute pubblica. Queste patologie sono il risultato di processi che alterano la normale funzionalità del sistema nervoso centrale e periferico. Si assiste ad una perdita delle funzioni neuronali, con modifiche delle strutture del sistema nervoso e degenerazione delle cellule nervose.Siamo di fronte a malattie diverse come, ad esempio, il morbo di Parkinson, il morbo di Alzheimer, e la sclerosi multipla.

I funghi medicinali, come, ad esempio, il Pleurotus giganteus, il Ganoderma lucidum o l’Hericium erinaceus, sono risorse di molti componenti bioattivi, come, tra gli altri i β-glucani, i terpeni, gli alcaloidi. Nel morbo di Alzheimer si osserva l’accumulo di proteine come l’amiloide β, i tangles neurofirbrillari, la proteina Tau,

1 mentre l’accumulo di α-sinucleina si osserva nel morbo di Parkinson.

2 Il danno alle cellule del sistema nervoso centrale concomita con una moltitudine di eventi, quali la perossidazione lipidica, l’alterazione del DNA nucleare e mitocondriale, il misfolding proteico. Pare che lo stress ossidativo, la neuroinfiammazione, la disfunzione dei mitocondri, lo stress del reticolo endoplasmatico, deficit del trasporto assonale costituiscano importanti fattori di rischio per lo sviluppo delle malattie neurodegenerative.

3 L’induzione della neuroinfiammazione è innescata da una moltitudine di fattori come, ad esempio, l’ipertensione, la depressione, il diabete.

4, 5La neuroinfiammazione e la neurodegenerazione sono, tra loro, correlate. Di fatti, la neuroinfiammazione causa neurodegenerazione che, a sua volta, alimenta la neuroinfiammazione.

5 Negli ultimi anni si è assistito ad un forte interesse da parte della comunità scientifica nei confronti delle sostanze provenienti da piante e funghi come potenziali risorse di nutraceutici che potrebbero avere un ruolo in uno spazio definito “prima del farmaco, oltre la dieta”.

6 Questo significa che è bene individuare uno spazio di intervento nel quale intervenire anche con nutraceutici che potenzialmente potrebbero contribuire a rallentare alcuni processi molecolari che sottendono l’insorgenza e la progressione di queste condizioni.

Tra i funghi mediciniali studiati in questo contesto, vi sono alcune specie di Sarcodon, Cyathus, Hericium, Antrodia, Ganoderma, e Pleurotus. Questi generi sono ricchi di polifenoli, polisaccaridi, glucani, terpeni, steroidi, cedrebrosidi, e proteine ed alcuni di questi composti hanno mostrato risultati interessanti in vitro.

7 Al genere Sarcodon appartengono funghi che sono stati molto studiati come il Sarcodon imbricatus (L.) P.Karst., Sarcodon cyrneus Maas Geest, Sarcodon glaucopus Maas Geest. & Nannf., Sarcodon leucopus (Pers.) Maas Geest. & Nannf., Sarcodon laevigatus (Sw.) P. Karst., Meddel., ed il Sarcodon scabrosus (Fr.) P. Karst. (25).

Da questi funghi sono state estratte molecole con effetti neuroprotettivi in vitro.

8 Le cirneine A e B sono i principali composti attivi isolati dal S. cyrneus. I costituenti di questo fungo innescano la crescita di neuriti in cellule PC12 e 131N1, mimando l’attività neurotrofica indotta da NGF.

9 La crescita dei neuriti si è osservata anche in cellule NG108–15. La scabronina A, isolata da S. scabrosus, ha influenzato la sintesi di NGF in cellule 1321N1.8-10 Anche la scabronina A-M inducono la secrezione di NGF in cellule 1321N1 e determinano la crescita di neuriti in cellule PC12.8,11,12Pare che l’induzione della crescita dei neuriti avvenga mediante un meccanismo Rac1-dipendente. 13,14I dati preclinici sugli effetti neuroprotettivi dei funghi appartenenti al genere Sarcodon sono interessanti ed sono auspicabili nuovi studi per comprenderne a pieno le possibili applicazioni in tale contesto.

Bibliografia

1. Gandhi J, Antonelli AC, Afridi A, Vatsia S, Joshi G, Romanov V, Murray IVJ, Khan SA. Protein misfolding and aggregation in neurodegenerative diseases: a review of pathogeneses, novel detection strategies, and potential therapeutics. Rev Neurosci 2019; 30: 339–3582. Ganguly U, Chakrabarti SS, Kaur U, Mukherjee A, Chakrabarti S. Alphasynuclein, proteotoxicity and Parkinsonʼs disease: search for neuroprotective therapy. Curr Neuropharmacol 2018; 16: 1086–10973. Espinós C, Galindo MI, García-Gimeno MA, Ibáñez-Cabellos JS, Martínez-Rubio D, Millán JM, Rodrigo R, Sanz P, Seco-Cervera M, Sevilla T, Tapia A, Pallardó FV., Oxidative Stress, a Crossroad Between Rare Diseases and Neurodegeneration, Antioxidants (Basel). 2020; 9(4): 3134. Daulatzai MA. Cerebral hypoperfusion and glucose hypometabolism: Key pathophysiological modulators promote neurodegeneration, cognitive impairment, and Alzheimer’s disease. J Neurosci Res. 2017;95(4):943-9725. Sandu RE, Buga AM, Uzoni A, Petcu EB, Popa-Wagner A. Neuroinflammation and comorbidities are frequently ignored factors in CNS pathology. Neural Regen Res. 2015;10(9):1349-13556. Santulli C, Brizi C, Micucci M, et al. Castanea sativa Mill. Bark Extract Protects U-373 MG Cells and Rat Brain Slices Against Ischemia and Reperfusion Injury. J Cell Biochem. 2017;118(4):839-8507. Marcotullio MC, Pagiott R, Maltese F, Obara Y, Hoshino T, Nakahata N, Curini M. Neurite outgrowth activity of cyathane diterpenes from Sarcodon cyrneus, cyrneines A and B. Planta Med 2006; 72: 819–8238. Obara Y, Nakahata N, Kita T, Takaya Y, Kobayashi H, Hosoi S, Kiuchi F, Ohta T, Oshima Y, Ohizumi Y. Stimulation of neurotrophic factor secretion from 1321N1 human astrocytoma cells by novel diterpenoids, scabronines A and G. Eur J Pharmacol 1999; 370: 79–849. Ohta T, Kita T, Kobayashi N, Obara Y, Nakahata N, Ohizumi Y, Takaya Y, Oshima Y. Scabronine A, a novel diterpenoid having potent inductive activity of the nerve growth factor synthesis, isolated from the mushroom, Sarcodon scabrosus. Tetrahedron Lett 1998; 39: 6229–623210. Kita T, Takaya Y, Oshima Y, Ohta T, Aizawa K, Hirano T, Inakuma T. Scabronines B, C, D, E and F, novel diterpenoids showing stimulating activity of nerve growth factor-synthesis, from the mushroom Sarcodon scabrosus. Tetrahedron 1998; 54: 11877–1188611. Shi XW, Liu L, Gao JM, Zhang AL. Cyathane diterpenes from Chinese mushroom Sarcodon scabrosus and their neurite outgrowth promoting activity. Eur J Med Chem 2011; 46: 3112–311712. Liu L, Shi XW, Zong SC, Tang JJ, Gao JM. Scabronine M, a novel inhibitor of NGF induced neurite outgrowth from PC12 cells from the fungus Sarcodon scabrosus. Bioorg Med Chem Lett 2012; 22: 2401–240613. Obara Y, Hoshino T, Marcutollio MC, Pagiotti R, Nakahata N. A novel cyathane diterpene, cyrneine A, induces neurite outgrowth in a Rac1-dependent mechanism in PC12 cells. Life Sci 2007; 80: 1669–167714. Cingolani L, Goda Y. Actin in action: the interplay between the actin cytoskeleton and synaptic efficacy. Nat Rev Neurosci 2008; 9: 344–356

15 visitatori online
0 ospiti, 15 bots, 0 membri