Acqua Magnetizzata

Acqua Magnetizzata

AcquaEsiste una differenza importante tra acqua attivata e acqua magnetizzata. L’acqua normale viene resa attivata ponendola in contatto con una lampada a mercurio. Il metodo pur sembrando una alchimia medioevale, viene tuttora usato nell’industria (disincrostazioni delle caldaie).

Tuttavia, l’effetto dell’acqua dipende dal cosmo, e di conseguenza non è mai costante.

Per magnetizzare l’acqua, vi si lascia immerso un magnete per un’ora, ma l’effetto cessa non appena il magnete viene estratto. Il dr. Basal di Nuova Delhi, nella sua opera “magnetotherapy”, spiega il metodo per ottenere una bevanda magnetizzata. Basta disporre una bottiglia piena di acqua sulla faccia sud di un magnete (sarebbe meglio mettere il recipiente tra i poli opposti di due magneti). Tuttavia, il metodo migliore consiste nell’esporre l’acqua all’influenza di un campo magnetico anche debole per un brevissimo istante.

Le proprietà fisiche dell’acqua cambiano, mentre la composizione chimica resta invariata. Le proprietà dell’acqua magnetizzata così ottenuta, rimangono costanti per due giorni.

Il fenomeno della magnetizzazione si spiega col fatto che il campo magnetico, come il cosmo, deforma le strutture dell’acqua. E’ noto che l’acqua possiede una struttura al pari di un solido, che è un insieme di molecole disposte in un certo senso. Se facciamo passare l’acqua attraverso una serie di campi magnetici alternati e potenti, l’aggiunta di cariche elettriche modifica sia il senso sia lo spostamento degli ioni, cosicché l’acqua si magnetizza acquisendo la capacità di impedire la formazione di microcristalli.

Proprietà Curative

Le proprietà curative e rivitalizzanti dell’acqua magnetizzata potrebbero essere legate alla sua “memoria”. L’acqua fresca, pura, proveniente da un torrente di montagna, è piena di vitalità, specialmente se questa ha percorso un tratto di rocce vulcaniche, che sono altamente paramagnetiche. Il passaggio attraverso il suolo contaminato, svariati chilometri di tubazioni di ferro e plastica e il trattamento con prodotti chimici, ad esempio il cloro, sottraggono la vitalità iniziale. Così l’acqua che arriva nelle nostre case risulta senza vita dal punto di vista energetico. Fortunatamente recenti ricerche hanno dimostrato che è possibile recuperare in buona parte lo stato originale dell’acqua attraverso la magnetizzazione.

L’acqua può essere rimagnetizzata facendola scorrere in tubazioni dotate di elettromagneti permanenti, oppure si può ottenere un effetto simile ponendola in una caraffa che viene esposta su un magnete per tutta la notte. I magneti devono essere attentamente studiati per corrispondere al ritmo di scorrimento dell’acqua, e dovrebbero essere sempre posti il più vicino possibile allo sbocco dopo altri filtri e sistemi di depurazione. Nella magnetizzazione stazionaria notturna è importante assicurarsi che la polarizzazione del magnete utilizzato sia NEG. oppure, meno frequentemente, bipolare.

Dosaggio:

Negli adulti si può iniziare con la somministrazione di 30 ml di acqua tre volte al giorno. Se non si verificano effetti collaterali, dovuti al drenaggio epatico, linfatico e renale, si passa ad almeno 200/300 ml tre volte al giorno.

Nei bambini è opportuno iniziare la somministrazione con due cucchiai 3-4 volte al giorno. E’ fondamentale che né i recipienti né l’utensile utilizzato siano di metallo, altrimenti si corre il rischio di scaricare in parte le “informazioni magnetiche” incorporate nell’acqua.

Acqua magnetizzata con campo negativo:

  • Allieva il dolore
  • Riduce l’edema intracellulare
  • Favorisce il riposo e il sonno
  • Migliora le prestazioni sportive
  • Combatte e controlla le infezioni
  • Aumenta l’alcalinità tissutale
  • Aumenta il numero di ioni negativi e aumenta la presenza di ossigeno nelle cellule
  • Aumenta e rinforza concentrazione e attività mentale

Acqua magnetizzata con campo positivo:

  • Aumenta il numero di ioni positivi e diminuisce l’ossigeno nelle cellule
  • Tende ad aumentare i dolori nei disturbi cronici
  • Tende ad aumentare l’edema intracellulare
  • Agisce come stimolante in genere
  • Può favorire l’insorgenza d’infezione, favorisce lo sviluppo di batteri
  • Può portare un’iperattività mentale e diminuire i livelli di stress
  • Agisce aumentando l’alcalinità
  • Può aumentare la depressione
  • Può essere utile nella cura delle contusioni o infiammazioni dei tessuti molli non associati a episodi di infiammazione grave o ferita aperta

Indicazioni e modo d’impiego:

L’acqua magnetizzata utilizzata in terapia può agire da sola, ma associata ad altri trattamenti, ha effetto sinergico. In quanto metodo naturale, può essere combinata con tutte le medicine cosiddette “dolci”. L’acqua magnetizzata presenta molteplici qualità: diuretica, leggera, mineralizzata, potere depurativo.

Fegato e Cistifellea:

Azione sul fegato e sulla vescica biliare: si nota una rapida riduzione del fegato. la regione vescicolare diventa elastica e indolore e si può notare l’evacuazione di piccoli calcoli biliari nelle feci. I calcoli scompaiono nel giro di due o tre mesi: solo i calcoli urici resistono al trattamento.

Reni:

L’aumento della produzione di urine influisce sia sul loro volume sia sui residui organici o minerali. Anche i calcoli renali vengono disciolti con relativa rapidità a seconda della loro dimensione.

Metabolismi:

Questa indicazione è messa in evidenza dagli esami effettuati prima e dopo la cura di acqua magnetizzata. In tali casi si è constatato il ritorno a livelli normali del tasso di colesterolo e di urea.

Pelle:

Si ha un regresso nelle dermatosi ad indicare una disintossicazione dell’organismo ed una migliore eliminazione delle sostanze naturali.

Apparato digerente:

Si osserva un aumento di movimenti peristaltici dell’intestino. Nei disturbi digestivi (nausea, vomito, flatulenza, costipazione, ecc) si ottengono notevoli risultati.

Sistema ormonale:

Questa azione è constatata sul tono e sull’elasticità del sistema neurosimpatico a livello dei polmoni e dello stomaco, come pure una regolarizzazione progressiva e permanente della pressione arteriosa e un effetto sulle variazioni del sistema ormonale.

Liquidi interstiziali (sangue e linfa):

L’azione diuretica dell’acqua magnetizzata è la causa principale della riduzione degli edemi esterni e interni.

Il ristabilimento dovuto all’acqua rappresenta l’equivalente di una depurazione generale dell’organismo che diventa così più resistente alle insidie future e più ricettivo nei confronti delle altre terapie dolci quali l’omeopatia.

Posologia:

L’assunzione quotidiana dai due-tre litri di acqua magnetizzata disintegra in otto settimane i calcoli renali e biliari.

Nelle ritenzioni urinarie, occorre bere dai 50-100 ml di acqua ogni mezzora.

Categories: SCIENZA E TECNICA

PESCI DEL MEDITERRANEO

Acciuga

Acciughe

Piccola e affusolata, ha carni buone e gustose, indicate specialmente per frittura. Ottima sotto sale e sott’olio.

Aguglia

Aguglia

Appartiene alla famiglia del pesce azzurro. Ha corpo allungato, con caratteristico becco. Carni di buon gusto, apprezzate in umido e in frittura.

Aragosta

Aragosta

Crostaceo provvisto di corazza bruno-rossastra, con lunghe antenne. Ottima e ricercata per il suo gusto delicato ed inconfondibile, si fa apprezzare soprattutto bollita e servita fredda, in insalata e cocktail con maionese.

Cannolicchi

Canolicchi

Molluschi dal guscio fusiforme. Carni discrete, da consumare freschissime. Ottimi gratinati al forno o per condire la pasta.

Calamaro

Calamari

Appartiene alla stessa famiglia del totano, ma può raggiungere notevoli dimensioni (fino a 90cm). Le sue carni bianche sono generalmente apprezzate. Si può preparare con una farcitura composta utilizzando le carni dei tentacoli, uova ed erbe aromatiche. Quindi viene grigliato o brasato.
Vedi ricette

Cefalo o Muggine

Cefalo o muggine

Riconoscibile dal cranio largo e compatto, ha carni grasse, saporite, di facile digeribilità. Ideale da cucinare ai ferri o lessato.

Cernia

Cernia

Pesce con pinna dorsale spinosa ed enorme testa. Carni pregiate e compatte, da gustare soprattutto in frittura per i pesci di piccola taglia, o ai ferri in tranci per quelli di grosse dimensioni.
Vedi ricette

Cozze o mitili

Cozze o mitili

Molluschi con conchiglia nera o violacea. Accuratamente raschiati, lavati e cotti fino alla loro completa apertura, sono un gustoso secondo o un ricco condimento per primi piatti.
Vedi ricette

Cuore

Cuore mollusco

Mollusco dal guscio cuoriforme, da cui il nome. Carne generalmente apprezzata, da gustare soprattutto alla marinara.

Dentice

Dentice

Di varie dimensioni, ha il dorso azzurro e i fianchi giallo-argentei. Carni sode e molto buone, delicate. Ottimo lessato, alla griglia o al forno.

Gambero

Gambero

Crostaceo di piccole dimensioni, grigio o rosa (quest’ultimo è il più pregiato). Carne di sapore delicato, ideale sia fritta che lessa o come condimento per risotti.
Vedi ricette

Granceola

Granceola

Grosso granchio con ottima polpa filamentosa. Si gusta lessata in raffinati antipasti, cocktail o insalate.

Latterino

Latterino

Di piccole dimensioni, con corpo allungato. Carni discrete apprezzate soprattutto in frittura.

Lumache di mare

Lumache di mare

Piccoli molluschi dal guscio a spirale. Carni buone, che richiedono un’accurata precottura.

Mazzancolla

Mazzancolle

Carni eccellenti, ricercate. Simile al gambero, ne condivide gli stessi modi di preparazione (e di solito costa meno!).

Merluzzo o nasello

Merluzzo

Corpo allungato ricoperte di squame lisce, caduche. Se di grandi dimensioni è venduto a tranci o filetti. Carni buone, delicate e di grande digeribilità. Lessato è adatto ai bambini, ma si gusta anche arrosto o fritto.
Vedi ricette

Murena

Murena

Conosciuta per il suo morso tenace e doloroso, si presenta con un corpo molto allungato. Carne pregiata e saporita, indicata soprattutto in umido.

Occhiata

Occhiata

Pesce dal profilo ellittico e grande pinna caudale. Carne di buon pregio, soprattutto alla griglia.

Ombrina

Ombrina

Piccola e con due pinne dorsali, ha carni eccellenti, delicate che si gustano bollite, ai ferri o soprattutto in guazzetto, con aglio, prezzemolo e pomodoro.

Orata

Orata

Corpo ovale con testa appiattita. Si distingue per la striatura dorata fra gli occhi. Carni molto delicate e pregiatissime, ne fanno uno dei pesci più apprezzati. Dà il meglio di sè sia al forno che arrosto.
Vedi ricette

Pagello o fragolino

Pagello

Pesce di medie dimensioni dal caratteristico colore rosato, da cui il nome fragolino. Carne magra, buona e delicata, ottima in vari modi, soprattutto nella zuppa.

Palamita o tonnetto

Palamita

Dimensioni generose e andamento affusolato, con grande pinna caudale. Appartiene alla stessa famiglia degli sgombri. Carne gustosa e compatta ad alta resa.

Passera

Passera

Corpo ovale appiattito e occhi da un solo lato. Carne discreta, indicata sia per la frittura che per il lesso.

Pesce spada

Pesce spada

Lungo fino a 4 o 5 metri, con la tipica appendice in fronte. Qualche esemplare può raggiungere i 3 quintali. Carne gustosissima e molto compatta, venduta in tranci. La sua specialità è arrosto o alla griglia.
Vedi ricette

Polpo

Polpo

Grosso mollusco senza osso dorsale, con lunghi tentacoli. Carne compatta e buona di largo impiego in cucina in vari modi, tutti ugualmente validi. I polpi molto piccoli e tenerissimi sono chiamati moscardini.
Vedi ricette

Rana pescatrice

Rana pescatrice

E’ detta anche “coda di rospo” poiché la carne migliore è quella della sua lunga coda. Di aspetto mostruoso è in realtà un pesce prelibato nella zuppa. E’ indicato anche ai ferri.

Razza

Razza

A forma romboidale, con lunga coda. La più pregiata è quella chiodata. A differenza degli altri pesci che vanno consumati freschissimi, la razza migliora con una leggera frollatura che ne intenerisce le carni. E’ indicata in umido o nella zuppa.

Rombo

Rombo

Corpo appiattito e ovale, occhi su un solo lato. Può raggiungere dimensioni enormi. Il migliore è quello chiodato. Carne soda e di gusto delicato, viene venduta anche a tranci o in filetti, da cucinare preferibilmente alla griglia, arrosto o al forno.

Sarago

Sarago

Corpo ovale, di piccole e medie dimensioni. Si pesca prevalentemente in primavera o estate. Carni discreta ottima al forno.

Sardina

Sardine

Appartiene alla famiglia del pesce azzurro. A corpo panciuto e di piccole dimensioni. Carne piuttosto grassa, ma gustosa, si fa apprezzare in molti modi, soprattutto fritta.
Vedi ricette

Scampo

Scampi

Crostaceo dotato di due lunghe e robuste chele. Buono e pregiato, si presta a consumazioni raffinate. E’ consumato sia lesso che fritto.
Vedi ricette

Seppia

Seppie

Mollusco ovale, con tentacoli e osso interno. Carne compatta, piuttosto coriacea, che richiede una preventiva “battitura”. E’ gustosa e di largo impiego, in cucina indicata in umido. Le seppioline invece sono consigliate per la frittura.
Vedi ricette

Sgombro

Sgombri

Pesce azzurro con corpo fusiforme e piccole pinne. Carne molto apprezzata, dal sapore forte e caratteristico. Ottimo arrosto o conservato sott’olio.

Sogliola

Sogliola

Pesce dal caratteristico corpo ovale, piatto e con occhi su un solo lato. Carne molto delicata e di facile digeribilità (è tra le più pregiate), si cucina prevalentemente fritta o lessata dopo averla privata della pelle bruna del dorso.
Vedi ricette

Spigola o branzino

Spigola o branzino

Lunga fino ad un metro, ha corpo robusto e allungato. E’ uno dei pesci più ricercati. Carne ottima e pregiata, di largo impiego. Il modo migliore per apprezzarla è lessa.
Vedi ricette

Tartufi di mare

Tartufi di mare

Piccoli molluschi con conchiglia a ventaglio, molto pregiati. Sono ottimi preparati in salsa bianca, alla marinara o nelle insalate.

Tonno

Tonno

Pesce panciuto di grosse dimensioni (può raggiungere i tre metri). Carne compatta e molto gustosa, venduta a pezzi o tranci, è ottima alla griglia.
Vedi ricette

Totano

Totano

Mollusco della stessa famiglia del calamaro, ma di piccole dimensioni e con un’unica pinna codale romboidale, anziché due lunghe laterali. Carne buona, soprattutto in esemplari piccoli, si cucina grigliato, alla marinara o ripieno.

Triglia

Triglia

Corpo ovale con muso spiovente, di colore rosso vivo. Esiste in due qualità: di sabbia e di scoglio (la migliore). Carne squisita, delicata e adatta per arrosti e fritture.La triglia ha il noto “inconveniente” d’avere molte spine. Però è ormai facile trovare nei supermercati o pescherie i filetti di triglia, puliti e privi di spine, favolosi da usare in tutti i modi!
Vedi ricette

Vongole

Vongole

Molluschi con conchiglie bivalve a chiusura ermetica. Le vongole normali si distinguono da quelle veraci dai sifoni, che in queste ultime sono più evidenti. Gustose e apprezzate in vari modi, vengono usate moltissimo come condimento per la pasta.
Vedi ricette

 

Categories: SCIENZA E TECNICA