Moduli Di Autocertificazione Telematica

Moduli Di Autocertificazione Telematica

Dopo aver compilato i moduli sarà possibile stamparli.

Nascita
Certificazione di luogo e data di nascita
Residenza
Certificazione di residenza
Cittadinanza
Certificazione di cittadinanza
Diritti politici
Certificazione di godimento diritti civili e politici
Esistenza
Certificazione di esistenza in vita
Figlio
Certificazione di nascita del figlio
Morte
Certificazione di decesso
Posizione militare
Certificazione di posizione agli effetti militari
Albo
Certificazione di iscrizione in albi o elenchi
Stato di famiglia
Certificazione di stato di famiglia
Studio
Certificazione del titolo di studio
Qualifica professionale
Certificazione di qualifica professionale
Esami
Certificazione di esami sostenuti
Specializzazione
Certificazione del titolo di specializzazione
Abilitazione
Certificazione del titolo di abilitazione
Formazione
Certificazione del titolo di formazione
Aggiornamento
Certificazione del titolo di aggiornamento
Qualifica tecnica
Certificazione del titolo di qualifica tecnica
Situazione reddituale
Certificazione della situazione reddituale
Situazione economica
Certificazione della situazione economica
Obblighi contributivi
Certificazione dell’assolvimento di specifici obblighi contributivi
Codice fiscale
Certificazione del possesso e numero del codice fiscale
Partita iva
Certificazione del possesso e numero della partita iva
Possesso
Possesso di qualsiasi dato presente nell’archivio dell’anagrafe tributaria
Disoccupazione
Certificazione dello stato di disoccupazione
Pensionato
Certificazione della qualità di pensionato con indicazione della categoria di pensione
Studente
Certificazione di qualità di studente
Casalinga
Certificazione di qualità di casalinga
Legale rappresentante fisiche
Certificazione di qualità di legale rappresentante di persone fisiche
Legale rappresentante giuridiche
Certificazione di qualità di legale rappresentante di persone giuridiche
Tutore
Certificazione di qualità di tutore
Curatore
Certificazione di qualità di curatore
Simili
Certificazione di qualità simili
Associazioni
Certificazione di iscrizione presso associazioni
Formazioni sociali
Certificazione di iscrizione presso formazioni sociali di qualsiasi tipo
Condanne penali
Certificazione di assenza di condanne penali
Vivenza a carico
Certificazione di qualità di vivenza a carico
Dati conosciuti
Tutti i dati a diretta conoscenza
Generica
Certificazione generica
Categories: ARTICOLI e NEWS

Le persone con il sangue gruppo zero

Read More

Piante e tumori: dalla Ricerca Nutraceutica, nuove prospettive per il futuro*

*Il presente documento non costituisce parere medico, ma è una descrizione degli effetti preclinici scientificamente dimostrati di alcune sostanze naturali
Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un crescente interesse nella prevenzione del cancro attraverso piante, estratti vegetali e componenti chimici naturali e naturalmente presenti in taluni alimenti.La Ricerca Scientifica ha focalizzato i propri sforzi sull’identificazione chimica dei fitocomplessi dotati di attività chemiopreventiva e sulla comprensione dei meccanismi d’azione.
Varie piante utilizzate anche in ambito culinario, diversi estratti vegetali chimicamente caratterizzati agiscono su molteplici signaling pathways , incluse quelle che regolano i processi infiammatori e apoptotici. che potrebbero costituire dei target per le terapie antitumorali.
aglioIn questo approfondimento focalizzeremo la nostra attenzione su diversi phytochemicals come il resveratrolo, presente abbondantemente nelle bucce degli acini della Vitis vinifera L. (la comune uva), nelle radici del Polygonum cuspidatumSieb. et Zucc., della allicina, presente nell’ Alliumsativum L. (il comune aglio), del licopene, particolarmente presente nel Solanum lycopersicumL. (il comune pomodoro), dell’indol-3-carbinolo, presente nei vegetali appartenenti alla famiglia delle crucifere, della vitamina C, presente nei frutti appartenenti al genere Citrus, come il limone, l’arancio, il pompelmo, nella Fragariavesca L. (fragola di bosco), del [6]-gingerolo, presente nel rizomadi Zingiber officinaleRoscoe, dell’emodina, presente nelle foglie di Aloe barbadensis Miller, della miscela antiossidante naturale ricavata dalle foglie di Spinacia oleracea L. (il comune spinacio), dei beta-carotenoidi presenti nel Daucus carota L. (la comune carota), il sulforafano, presente in diversi vegetali appartenenti al genere Brassica, come la senape, dell’acido ellagico, presentein varie parti del Punica granatum L. (il comune melograno), della miricetina, presente nel  Vaccinium macrocarponAiton (il comune cranberry), del carnosolo, presente nel Rosmarinus officinalis L. (il comune rosmarino), della vanillina, presente nella Vanilla planifoliaJacks.ex Andrews (la comune vaniglia) e dell’eugenolo presente nei fiori di Syzygiumaromaticum (L.) Merr. &L.M.Perry (i comuni chiodi di garofano.


fragole

 

Questi principi attivi agiscono attraverso differenti vie di segnalazione cellulare, come il fattore nucleare kB (Nf-kB), le ciclossigenasi 2 (Cox-2), la proteina STAT 3 (SignalTransducer and Activator of Transcription 3), la proteina Akt, la via MAPK/ERK (Mitogen-activated protein kinases/Extracellular regulated kinase), la proteina Bcl-2, la poli (ADP)-ribosio-polimerasi, le metalloproteasi della matrice 2/9, e la ciclina D1.
La conoscenza di questi composti e dei loro meccanismi d’azione potrebbe essere utile per la formulazione di nutraceutici da impiegarsi come coadiuvanti nelle terapie antitumorali.                                                       
Il termine fitochimici (Phytochemicals) sta ad indicare componenti non-nutritivi, presenti nelle piante, dotati di attività biologica.
Per lungo tempo, si sono utilizzate le piante nella cura di molte malattie incluso il cancro. Del resto, oltre il 60% dei farmaci antitumorali è di derivazione vegetale. [1]
curcumaI principi attivi più comunemente riconosciuti come aventi proprietà protettive verso il cancro sono la curcumina (Curcuma longa L.), la genisteina (Glycine max (L.) Merr.), il resveratrolo (Vitis vinifera L.), l’allicina (Allium sativum L.), il licopene (Solanum lycopersicumL.), il [6]-gingerolo e il [6]-shogaolo (Zingiber officinale Roscoe), l’acido ellagico (Punica granatum L.), la miricetina (Vaccinium macrocarponAiton), l’eugenolo (Syzygium aromaticum (L.) Merr. &L.M.Perry), l’anetolo (Cinnamomum camphora (L.) J. Presl.).
Anche i flavonoidi e gli ellagitannini presenti in tutte le piante hanno numerose proprietà antitumorali e chemiopreventive che affronteremo in un altro articolo a parte.[2,3]
I principi attivi che ho menzionato sopprimono i processi infiammatori che conducono a fenomeni di trasformazione, iperproliferazione, ed iniziazione della carcinogenesi.[4]
La ricerca ha investito notevoli sforzi per la comprensione delle basi molecolari della prevenzione delle malattie croniche e della promozione della salute ad opera dei nutraceutici.Le principali signallingpathawys che vengono disregolate nel cancro e che costituiscono target per la prevenzione del cancro, possono essere modulate da diversi fitocomplessi e da molteplici principi attivi e classi di principi attivi chimicamente caratterizzati. Questi processi includono la riparazione del DNA, la proliferazione cellulare, l’apoptosi, l’infiammazione, l’immunomodulazione, la differenziazione e l’angiogenesi. [5,6]
Poiché molteplici pathways vengono influenzate simultaneamente, risulta difficile individuare la via più importante nella determinazione del rischio di cancro o del comportamento del tumore.
Dati in vitro e in vivo dimostrano che gli agenti chemiopreventivi aumentano l’efficacia della chemioterapia e della radioterapia, in diversi tipi di cancro, mediante la regolazione del sistema PI3/Akt, del fattore nucleare kB (NF-kB), delle COX-2, dei processi apoptotici, del ciclo cellularee di altri meccanismi, ad indicare una nuova strategia terapeutica multitarget.[7]La tumorigenesi è un processo multistep che può essere attivato da agenti ambientali (fumo di sigaretta, emissioni industriali), agenti infiammatori (citochine infiammatorie e le ROS), e promotori tumorali come gli esteri del forbolo e l’acido okadaico.[8]Le sostanze carcinogeniche modulano i fattori di trascrizione, come l’Nf-kB, la AP-1, la STAT3, le proteine antiapoptotiche come la Akt, la Bcl-2, la Bcl-XL, le proteine proapoptotiche come le caspasi e le PARP, le protein-chinasi, le proteine di regolazione del ciclo cellulare, le molecole di adesione cellulare, i fattori di crescita.[8]
NF-kB
Le cellule infiammatorie (neutrofili, macrofagi, eosinofili) sono risorse endogene di specie reattive dell’ossigeno (ROS), la cui stimolazione da parte di promotori tumorali o da agenti microbiologici rilascia le ROS. [9]
L’NF-kB è un fattore di trascrizione che si lega al DNA e attiva la trascrizione genica. [10]
Nelle cellule normali, l’NF-kB è legato ad una proteina di inibizione chiamata IkB che si trova nel citoplasma.
Stimoli infiammatori come le radiazioni UV, le ROS, le citochineproinfiammatorie come il TNF-α e l’IL-1 attivano l’NF-kB attraverso la fosforilazione e la degradazione di IkB. L’NF-kB, una volta rilasciato, migra nel nucleo dove si lega al DNA e attiva la trascrizione di oltre 200 geni che sopprimono l’apoptosi, e inducono la trasformazione cellulare, la proliferazione, l’invasione, le metastasi, la chemioresistenza, la radioresistenza e l’infiammazione.  Questi includono le citochine proinfiammatorie TNF-α , IL-1, molecole di adesione, il fosfolipide A2, la lipossigenasi, la COX-2, la nitrossido-sintasi inducibile (iNOS), la mieloperossidasi.[11]
L’emodina, il gingerolo, il resveratrolo, il licopene, l’indol-3-carbinolo, la vitamina c, il sulforafano e l’acido ellagico sono potenti inibitori di NF-kB.
Il resveratrolo inibisce l’attivazione di NF-kB ed esercita un’attività antiossidante[12,13]tuttavia i suoi effetti in vivo sono limitati da una bassa biodisponibilità.[14]
Horton e colleghi hanno dimostrato che la vitamina C inibisce la traslocazione di NF-kBdal citoplasma al nucleo.[15]Inoltre, la vitamina C inibisce l’attivazione di NF-kB indotta da TNF-α mediante l’attivazione della p38/MAPK.[16]
L’applicazione topica di licopene ha inibito l’edema di orecchio murino indotto da TPA e la promozione tumorale , oltre ad aver inibito l’adesione di cellule endoteliali aortiche  stimolate con IL-1β alle cellule U937.[17]Il [6]-gingerolo estratto dallo zenzero è in grado di inibire il sistema NF-kN. [18]
La miscela antiossidante naturale di spinacio produce effetti analoghi. [19]
Il ruolo delle COX-2
Le ciclossigenasi (COX)svolgono un ruolo primario nella biosintesi dei prostanoidi. La COX-2, che è l’isoforma inducibile, è responsabile dell’elevata produzione di prostaglandine in risposta a vari stimoli infiammatori, ormonali e a fattori di crescita.
L’espressione delle COX-2 è associata alla regolazione della crescita cellulare, al remodelling tissutale, alla carcinogenesi. La COX-2 è altamente espressa in una larga serie di tumori endometriali primari e la sua espressione è strettamente associata ai parametri di aggressività tumorale. Inoltre, l’overespressione della COX-2 avviene nel 90% dei carcinomi del colon-retto e nel 40% degli adenomi. [20,21]
L’NF-kB è strettamente connesso a molti aspetti dell’oncogenesi, incluso il controllo dell’apoptosi, il ciclo cellulare, la differenziazione e la migrazione cellulare. [22] La proteina Akt regola l’espressione della COX-2 in cellule di cancro endometriale che esprimono la fosfo-Akt.
Studi sperimentali hanno dimostrato che la curcumina downregola l’espressione delle COX-2 senza modificare l’espressione della COX-1 in cellule di cancro prostatico e al colon-retto.[23]
La miscela antiossidante naturale presente nello spinacio esercita effetti antiproliferativi attraverso la downregulation dell’espressione delle COX-2.[24]
L’acido ellagico, presente nel melograno, inibisce l’NF-kB in cellule di tumore pancreatico.[25]
Inoltre, la miricetina svolge attività antiossidanti ed effetti antitumorali.[26]
Il [6]-gingerolo inibisce l’espressione delle COX-2 mediante l’inbizione della p38MAP Kinase e l’inibizione di NF-kB.[27]
Tutti questi studi dimostrano che i composti attivi estratti dalle piante qui considerati svolgono un ruolo centrale nell’inibizione dell’espressione delle COX -2.
Altri fattori come il TNF-α,l’IL-6 svolgono un ruolo importante nel legame tra l’infiammazione e il cancro.[28]
Il TNF fa parte di una famiglia di citochine principalmente secrete dai macrofagi ed è responsabile della regolazione immunitaria.Tuttavia una sua iperproduzione contribuisce all’insorgenza di patologie croniche incluso il cancro, essendo responsabile dell’attivazione di NF-kB.[29]
Vi sono molte interleuchine coinvolte nella regolazione dell’ immunità, incluse l’IL-1β el’IL-6, che regola la crescita di varie cellule ematopoietiche.[30]
Il TNFα innesca il processo infiammatorio .
Diversi nutraceutici modulano i livelli di IL-6 e di IL-8.
L’allicina , presente nell’aglio, inibisce la secrezione di IL-1β e di IL-8 indotta da INFα in cellule  epiteliali intestinali in vitro, oltre a sopprimere i livelli di mRNA di IL-1β e IL-8 e la degradazione di IkBα.[31]
Dati sperimentali suggeriscono che il 6-gingerolo estratto dallo zenzero regola l’espressione del TNFα e della iNOS.[32]
Diversi studi hanno dimostrato che l’acido ellagico inibisce l’espressione di IL-1e upregola l’espressine di IL10, esercitano effetti antiinfiammatori.[33]
Il resveratrolo  riduce significativamente la produzione e i livelli sierici di IL-1, Il-8 e IL-6 in topi affetti da melanoma.[34]
Sopravvivenza cellulare
Gli enzimi IP3Ks sono coinvolti nella fosforilazione degli  inositolo-fosfolipidi di membrana , che mediano la trasduzione del segnale cellulare.[35]
L’attivazione di IP3K genera il secondo messaggero fostatidilinositoltrifosfato (PIP3) dal fosfatidil inositolo 4,5 – bifosfato.[36]
Questo recluta lechinasi Akt/PKB  determinando la loro fosforillazione.[37]L’ Akt attivata trasloca nel citoplasma e nel nucleo e attiva  targets coinvolti nella sopravivveza, proliferazione, progressione, crescita , migrazione cellulare e nell’ angiogenesi.[38]
L’ Akt media la fosforilazione e l’attivazione  di mTOR che svolge un ruolo chiave nella regolazione della sintesi proteica, dell’ angiogenesi e della progressione del ciclo cellulare.[39]
Diversi fitocomplessi svolgono i loro effetti biologici attraverso la modulazione di varie vie di segnalazione cellulare come la PI3/Akt o la  p38/MAPK.[40,41]
Una pletora di evidenze in vitro dimostra che numerosi polifenoli sono in grado di influenzare le vie di segnalazione MAPK ePI3K e Akt.[42-44]
Il 6 gingerolo , per l’appunto, inibisce la crescita cellulare , attiva la caspasi3 ed aumenta i livelli di MAPK e l’attività Akt in cellulle tumorali.[45]
Il sulforafano inibisce ls pathways PI3/Akt pathway e MAPK/ERK determinando l’arresto del ciclo cellulare e l’apoptosi.[46]
Analogamente, l’allicina inibisce fortemente la crescita di cellule cancerogene mediante l’inibizione della segnalazone p38/MAPK.[47,48]
L’emodina estratta dall’aloe e la miricetina dal mirtillo rosso americanoinfluenzano la signalling pathway PI3/Akt.[49]
Anche numerosi polifenoli appartenenti alla classe dei flavonoidi interferiscono con questa via.[50]
 Angiogenesi
L’angiogenesi è un normale processo fisiologico in cui si formano nuovi vasi. Un incremento di questo fenomeno promuove la crescita tumorale aumentando il trasporto di nutrienti e di ossigeno.
L’alterazione dei meccanismi che regolano l’angiogenesi determina l’aumento delle molecole proangiogeniche. Le cellule endoteliali vengono stimolate e attratte dal sito di neoformazione dei vasi, per via della presenza di fattori chemiotattici incluso l fattore di crescita vasculo-endoteliale VEGF, il fattore di crescita IGF-1,  e di molecole infiammatorie come l’IL-8, la COX-2 e l’iNOS. [51]
La migrazione chemiotattica è potenziata dalla degradazione di componenti della matrice extracellulare prodotta dalle metalloproteasi della matrice (MMPs). [52]
Le MMPs includono le collagenasi (MMP-1, MMP-8 etc..), le gelatinasi (MMP-2 ed MMP-9), le stromeline (MMP-3, MMP-10, MMP-7), e le elastasi (MMP-12). Le MMPs sono coinvolte in molti processi fisiologici coinvolti nel rimodellamento della matrice, e sembta che svolgano un ruolo centrale nell’angiogenesi, nell’invasione delle cellule tumorali, nelle metastasi.[52]
Diversi componenti nutraceutici, come il resveratrolo, la curcumina, l’allicina, l’emodina, il licopene, il gingerolo e altri sembra riducano l’angiogenesi indotta dall’infiammazione e potrebbero ridurre i livelli di espressione di fattori di crescita come il VEGF.[53]
Il resveratrolo inibisce i livelli di espressione di HIF-1α, e del VEGF, attraverso la downregulation delle vie Akt e MAPK in cellule di cancro ovarico umano OVCAR-3.[54]
Effetti simili sono stati osservati con l’emodina in linee cellulari umane di tumore pancreatico.[55]
Il pretrattamento con indol-3-carbinolo inibisce l’attivazione di Akt indotta da VEGF.[56]
Dati sperimentali dimostrano che il sulforafano e la miricetina inibiscono l’espressione di MMP-9 e di MMP-2 in linee cellulari di carcinoma mammario. Il carnosolo inibisce l’espressione di MMP-9 attraverso l’inibizione di NF-kB in cellule di melanoma murino B16/F10.[57]
L’acido ellagico inibisce l’espressione del fattore di crescita derivato dalle piastrine e del VEGF.[58]
Sono necessari, tuttavia, ulteriori studi, per meglio comprendere la potenziale utilità dell’inibizione dell’angiogenesi in questo contesto.
Ciclo cellulare
In cellule normali, la proliferazione cellulare è finemente regolata dall’equilibrio tra segnali di crescita e segnali di inibizione della crescita. Le cellule tumorali possono divenire insensibili ai segnali di inibizione della crescita. [59]
Diverse proteine regolano il timing degli eventi del ciclo cellulare.
Le principali molecole responsabili della regolazione del ciclo cellulare sono le cicline e le chinasi-ciclina-dipendenti. La ciclina più comunemente influenzata è la ciclina D1, un fattore limitante nella progressione delle cellule attraverso la fase G1 del ciclo cellulare.[60]
Nelle cellule tumorali, l’overespressione della ciclina D1 è correlata allo sviluppo e alla progressione della patologia. La disregolazione della degradazione della ciclina D1 sembra essere responsabile dell’aumento dei livelli di ciclina D1 in molte forme di tumore.[61]
La disregolazione del ciclo cellulare è in parte dovuta all’overespressione di fattori di crescita, come la ciclina D1, eleCdks sono associate alla tumorigenesi.
La c-Myc è un’oncoproteina che regola il Cdk-G1 specifico ed in particolare i complessi ciclina E/Cdk2, necessari per il transito dalla fase G1 alla fase S.[61]
La c-Myc previene l’arresto del ciclo cellulare in risposta a vari segnali.[62]
La proliferazione incontrollata può anche essere attribuita alla downregulation o all’inattivazione dell’oncosoppressore p53.[63]
Diversi componenti nutraceutici come il resveratrolo[64] e il beta-carotene[65] inibiscono il ciclo cellulare disregolato nel cancro.
La ciclina D1 è overespressa in molti tipi di cancro.
Il beta-carotene, presente nelle carote, induce l’arresto del ciclo cellulare nelle cellule tumorali attraverso la downregulation della ciclina A.[65]
Il carnosolo arresta il ciclo celluare in fase G2/M.[66]
Il resveratrolo sembra inibire la progressione del ciclo cellulare attraverso la downregulation dell’espressione della ciclina D1 e della ciclina E. [67]
L’espressione della ciclina D, della Cdc 25, e della Cdk 1è downregolata dall’indol-3-carbinolo, presente nelle crucifere.[68]
La vanillininibisce la progressione del ciclo cellulare in fase G2/M in cellule HT-29.[69]
È stato dimostrato che l’emodina, presente nell’aloe, inibisce l’espressione della ciclina D1 a livello trascrizionale. [70]
L’emodina, inoltre, induce l’apoptosi attraverso l’attivazione della p53, della caspasi-9, e l’inibizione dell’espressione della ciclina D1 e ella Cdc2, in cellule di carcinoma vescicale T24. [71]
L’acido ellagico determina l’arresto della fase G1 einibisce l’espressione della ciclina D1 e di Cdk2 in cellule di carcinoma vescicale T24.[72]
Analogamente, il sulforafano arresta la progressione del ciclo cellulare in cellule di carcinoma pancreatico e di leucemia linfoblastica. [73,74]
Apoptosi
L’apoptosi è un processo di morte cellulare programmata e costituisce una delle principali difese contro il cancro.
I fattori che innescano l’apoptosi includono il danno al DNA, la distruzione del ciclo cellulare, l’ipossia, il distacco delle cellule dai tessuti.[75]
L’apoptosi è caratterizzata da vari aspetti quali la condensazione di cromatina, la frammentazione delle cellule in strutture di membrana , chiamati corpo apoptotici, che sono inglobate nei macrofagi e rimossi dal tessuto in modo controllato.[76]
Queste variazioni morfologiche sono il risultato di caratteristiche molecolari e di eventi biochimici che si verificano nella cellula, in particolare l’attivazione di enzimi proteolitici.[77]
Il cleavage proteolitico delle procaspasi è uno step importante che determina l’attivazione delle caspasi.
vi sono due vie per l’apoptosi: la via estrinseca e la via intrinseca (via mitocondriale) che viene attivata dalle caspasi 8 e 9. Un elemento comune ad entrambe le vie è rappresentato dalla caspasi-3 che determina l’inattivazione di proteine chiave inclusa la proteina di riparazione del DNA PARP.[78]
Notevoli evidenze dimostrano che diversi estratti vegetali e alcuni composti naturali innescano l’apoptosi mediante numerosi target molecolari intracellulari in entrambe le vie apoptotiche in vitro.[79]
Il [6]-gingerolo induce l’espressione della caspasi 3e. del suo target Bax  in cellule di carcinoma della cervice, oltre a stimolarel’autofagia.[80]
Inoltre, questo componente nutraceutico induce apoptosi attraverso la modulazione della proteina p53 ed il coinvolgimento di signalling pathways mitocondriali.[81]
Analogamente, il resveratrolo induce apoptosi unicamente in cellule che esprimono la p53, ma non in cellule che non la esprimono.[82]
Inoltre, l’aumento dell’apoptosi si verifica anche attraverso la soppressione di IGF-1R/Wnte l’attivazione della p53.[83]
Il sulforafano ha mostrato marcati effetti apoptotici in cellule di carcinoma mammario.[84]
La miricetina e l’allicina svolgono effetti apoptotici attraverso le caspasi 3, 8, 9 e l’upregulation della PARP in diversi tipi di cellule tumorali. [85,86]
Inoltre, l’indol-3-carbinolo induce apoptosi in cellule di carcinoma della cervice e di carcinoma mammario.[87,88] Questo componente nutraceutico upregola l’espressione della p53 e della caspasi-8.[89]
L’acido ellagico induce apoptosi in cellule di carcinoma prostatico,[90] oltre adeterminare la fosforilazione di Akt e a stimolare l’autofagia in cellule di carcinoma del colon-retto. [91]
Il licopene esercita effetti proapoptotici marcati in diverse linee cellulari tumorali.[92]
Il carnosolo induce apoptosi e downregolation dell’espressione della Bcl-2.[93]
L’eugenolo induce apoptosi in cellule di carcinoma del colon umano attraverso l’upregulation della p53,  della caspasi-3, della PARP, ed il rilascio di citocromo c nel citosol.[94]La miscela antiossidante dello spinacio mostra effetti antiproliferativi in topi Tramp e nel carcinoma prostatico.[95]
L’approccio chimico-farmaceutico allo studio della Nutraceutica ha mostrato di produrre risultati scientifici interessanti, ponendo le basi per lo sviluppo di nuovi nutraceutici.
Bibliografia Scientifica
  1. Khazir J, Riley DL, Pilcher LA, De-Maayer P, Mir BA., Anticancer agents from diverse natural sources, Nat Prod Commun., 2014, 9(11):1655-69
  2. Randolph R. J. Arroo, Kenneth Beresford, Avninder S. Bhambra, Mike Boarder, Roberta Budriesi, Zhong Cheng, Matteo Micucci, Ketan C. Ruparelia, SomchaiyaSurichan, Vasilis P. Androutsopoulos, Phytoestrogens as natural prodrugs in cancer prevention: towards a mechanistic model, Phytochemistry Reviews, 2014, 13, 853-866
  3. Heber D., Multitargeted therapy of cancer by ellagitannins, Cancer Lett. 2008; 269(2):262-8
  4. Bhanot A., Sharma R., Malleshappa NN., Natural sources as potential anti-cancer agents: a review, International Journal of Phytomedicine, 2011, 3, 9-26
  5. Mathers JC, Coxhead JM, Tyson J, Nutrition and DNA repair-potential mechanisms of action, Current, CamcerDrugs Target, 2007, 5, 425-431
  6. Li Y, Ahmed F., Ali S., Philip PA, Kucuk O, Sarkar FH., inactivation of nuclear factor kappaB by soy isoflavonegenistein contributes to increased apoptosis induced by chemotherapeutic agents in human cancer cells, Cancer Research, 2005, 65, 6934-6942
  7. Li Y, Ahmed F., Ali S., Philip PA, Kucuk O, Sarkar FH., inactivation of nuclear factor kappaB by soy isoflavonegenistein contributes to increased apoptosis induced by chemotherapeutic agents in human cancer cells, Cancer Research, 2005, 65, 6934-6942
  8. Wilson S, Jones L, Couseens C, Hanna K, editors., Cancer and the Environment: Gene-Enviroment Interaction, Washington (DC): National Academies Press (US); 2002
  9. Rosin AP, Anwar WA, Ward AJ, inflammation, chromosomal instability, and cancer: the schistosomiasis model, Cancer Research, 1994, 54, 1929-1933
  10. Baldwin AS, the NF-kB and IkB proteins: new discoveries and insights, Ann Rev Immunol, 1996, 14, 649-681
  11. Pahl HL, activators and target genes of Rel/NF.kB transcriptions factors, 1999, 18, 6853-6866
  12. Cal C, Garban H, Jazirehi A, Yeh C, Mizutani Y, Bonavida B., resveratrol and cancer: chemoprevention, apoptosis and chemoimmunosensitizing activities, Anticancer Agents, 2003, 3, 77-93
  13. Estrov Z, Shishodia S, Faderl S, Harris D, Van Q, Kantarjian HM, Talpaz M, Aggarwal BB., resveratrol blocks interleukin-1beta-induced activation of the nuclear transcription factor NF-kappaB, inhibits proliferation, causes S-phase arrest, and induces apoptosis of acute myeloid leukemia cells, Blood, 2003, 102, 987-995
  14. Smoliga JM, Blanchard O., Enhancing the delivery of resveratrol in humans: if low bioavailability is the problem, what is the solution?, Molecules, 2014, 19(11):17154-72
  15. Horton JW, White DJ, Maass DL, Hybki DP, Haudek S, Giroir B., antioxidant vitamin therapy alters burn trauma-mediated cardiac NF-kB activation and cardiomyocyte cytokine secretion, J Trauma, 2001, 50, 397-408
  16. Bowie AG, O’Neill, Vitamin C inhibits NF-kB activation by TNF via the activation of p38 mitogen activated protein kinase, J Immunol, 2000, 165, 7180-7188
  17. Martin KR, Wu D, Meydani M., the effects of carotenoids on the expression of cell surface adhesion molecule and binding of monocytes to human aortic endothelial cells, Atherosclerosis, 2000, 150, 265-274
  18. Lee YR, Noh EM, Han JH, Kim JM, Hwang BM, Kim BS, et al., sulphoraphane controls TPA-induced MMP-9 expression through the NF-kB signaling pathway, but not AP-1, in MCF-7 breast cancer cells, BMB Rep, 2013, 46, 201-206
  19. Kondo S, Toyokuni S, Iwasa Y, Onodera H, et al., persistent oxidative stress in human colorectal carcinoma but not in adenoma, Free RadicBiol Med, 1999, 27, 401-410
  20. Chapple KS, Cartwright EJ, Hawcroft G, Tisbury A, et al, localization of ciclooxygenase-2 in human sporadic colorectal adenomas, Am J Pathol, 2000, 156, 545-553
  21. Wu T., ciclooxygenase-2 and prostaglandin signaling in cholangiocarcinoma, BiochimBiophysActa, 2000, 156, 135-150
  22. Mazhar D, Gillmore, Waxman J, COX and cancer, Q J Med, 2005, 98, 711-718
  23. Lee YK, Park SY, Kim YM, Park OJ, regulatory effect of the AMPK-COX-2 signaling pathway in curcumin-induced apoptosis in HT29 colon cancer cells, Ann N Y AcadSci, 2009, 1171, 489-494
  24. Lomnitski L, Foley J, Grossman S, Shaul VB, Maronpot RR, et al., effects of apocynin and natural antioxidant from spinach on inducible nitric oxide synthase and cyclooxygenase-2 induction in lypopolisaccharide-induced hepatic injury in rat, PharmacolToxicol, 2000, 87, 18-25
  25. Edderkaoui M, Odinokova I, Ohono I, Gukovsky I, Go VL, et al., ellagic acid induces apoptosis through inhibition of nuclear factor kB in pancreatic cancer cells, Word J Gastroenterol, 2008, 14, 3672-3680
  26. Yan X, Murphy BT, Hammond GB, Vinson JA, Neto CC., Antioxidant activities and antitumor screening of extracts from cranberry fruit (Vaccinium macrocarpon), J Agric Food Chem., 2002,50(21):5844-9
  27. Kim EC, Min JK, Kim TY, Lee SJ, Yang HO, Han S, Kim YM, Kwon YG., [6]-Gingerol, a pungent ingredient of ginger, inhibits angiogenesis in vitro and in vivo, BiochemBiophys Res Commun., 2005, 335(2):300-8
  28. Landskron G, De la Fuente M, Thuwajit P, Thuwajit C, Hermoso MA., Chronic inflammation and cytokines in the tumor microenvironment, J Immunol Res. 2014;2014:149185
  29. Pal S, Bhattacharjee A, Ali A, Mandal NC, Mandal SC, Pal M., Chronic inflammation and cancer: potential chemoprevention through nuclear factor kappa B and p53 mutual antagonism, JInflamm (Lond), 2014, 11:23.
  30. Libregts SF, Nolte MA, Parallels between immune driven-hematopoiesis and T cell activation: 3 signals that relay inflammatory stress to the bone marrow, Exp Cell Res., 2014, 329(2):239-47
  31. Lang A, Lahav M, Sakhnini E, Barshack I, Fidder HH, Avidan B, Bardan E, Hershkoviz R, Bar-Meir S, Chowers Y., Allicin inhibits spontaneous and TNF-alpha induced secretion of proinflammatory cytokines and chemokines from intestinal epithelial cells, ClinNutr., 2004, 23(5), 1199-208
  32. Oyagbemi AA, Saba AB, Azeez OI., Molecular targets of [6]-gingerol: Its potential roles in cancer chemoprevention, Biofactors, 2010, 36(3), 169-78
  33. CornélioFavarin D1, Martins Teixeira M, Lemos de Andrade E, de Freitas Alves C, LazoChica JE, ArtérioSorgi C, Faccioli LH, Paula Rogerio A., Anti-inflammatory effects of ellagic acid on acute lung injury induced by acid in mice, Mediators Inflamm. 2013;2013:164202
  34. Aggarwal BB, Bhardwaj A, Aggarwal RS, Seeram NP, Shishodia S, Takada Y., Role of resveratrol in prevention and therapy of cancer: preclinical and clinical studies, Anticancer Res. 2004 Sep-Oct;24(5A), 2783-840
  35. Vivanco I, Sawyers CL., The phosphatidylinositol 3-Kinase AKT pathway in human cancer, Nat Rev Cancer, 2002, 2(7):489-501
  36. Cantley LC., The phosphoinositide 3-kinase pathway, Science, 2002, 31;296(5573), 1655-7
  37. Lindsley CW., The Akt/PKB family of protein kinases: a review of small molecule inhibitors and progress towards target validation: a 2009 update, Curr Top Med Chem., 2010; 10(4), 458-77
  38. Manning BD, Cantley LC., AKT/PKB signaling: navigating downstream, Cell, 2007, 129(7):1261-74
  39. Sarbassov DD1, Guertin DA, Ali SM, Sabatini DM., Phosphorylation and regulation of Akt/PKB by the rictor-mTOR complex, Science, 2005, 307(5712), 1098-101
  40. Enayat S, Ceyhan MŞ, Başaran AA, Gürsel M, Banerjee S., Anticarcinogenic effects of the ethanolic extract of Salix aegyptiaca in colon cancer cells: involvement of Akt/PKB and MAPK pathways., Nutr Cancer. 2013;65(7):1045-58
  41. Seo DW, Cho YR, Kim W, Eom SH., Phytochemical linarin enriched in the flower of Chrysanthemum indicum inhibits proliferation of A549 human alveolar basal epithelial cells through suppression of the Akt-dependent signaling pathway, J Med Food, 2013, 16(12):1086-94
  42. Han MH, Lee WS, Jung JH, Jeong JH, Park C, Kim HJ, Kim G, Jung JM, Kwon TK, Kim GY, Ryu CH, Shin SC, Hong SC, Choi YH., Polyphenols isolated from Allium cepa L. induces apoptosis by suppressing IAP-1 through inhibiting PI3K/Akt signaling pathways in human leukemic cells, Food ChemToxicol., 2013, 62, 382-9
  43. Banerjee N, Kim H, Talcott S, Mertens-Talcott S., Pomegranate polyphenolics suppressed azoxymethane-induced colorectal aberrant crypt foci and inflammation: possible role of miR-126/VCAM-1 and miR-126/PI3K/AKT/mTOR, Carcinogenesis, 2013; 34(12), 2814-22
  44. Nandakumar V, Singh T, Katiyar SK., Multi-targeted prevention and therapy of cancer by proanthocyanidins, Cancer Lett., 2008, 269(2), 378-87
  45. Kim EC, Min JK, Kim TY, Lee SJ, Yang HO, Han S, Kim YM, Kwon YG., [6]-Gingerol, a pungent ingredient of ginger, inhibits angiogenesis in vitro and in vivo, BiochemBiophys Res Commun. 2005; 335(2), 300-8
  46. Roy SK, Srivastava RK, Shankar S., Inhibition of PI3K/AKT and MAPK/ERK pathways causes activation of FOXO transcription factor, leading to cell cycle arrest and apoptosis in pancreatic cancer, J Mol Signal, 2010, 5:10
  47. Cha JH, Choi YJ, Cha SH, Choi CH, Cho WH., Allicin inhibits cell growth and induces apoptosis in U87MG human glioblastoma cells through an ERK-dependent pathway,Oncol Rep., 2012, 28(1), 41-8
  48. Liao Y, Chen J, Tang W, Ge Q, Lu Q, Yang Z., Effect of P38MAPK signal transduction pathway on apoptosis of THP-1 induced by allicin, ZhongguoZhong YaoZaZhi., 2009, 34(11), 1439-43
  49. Sui JQ, Xie KP, Zou W, Xie MJ., Emodin inhibits breast cancer cell proliferation through the ERα-MAPK/Akt-cyclin D1/Bcl-2 signaling pathway, Asian Pac J Cancer Prev., 2014; 15(15), 6247-51
  50. Vauzour D, Rodriguez-Mateos A, Corona G, Oruna-Concha MJ, Spencer JP., Polyphenols and human health: prevention of disease and mechanisms of action, Nutrients, 2010, 2(11), 1106-319
  51. Kobayashi H, Sugihara K, Uetake H, Higuchi T, Yasuno M, Enomoto M, Iida S, Lenz HJ, Danenberg KD, Danenberg PV., Messenger RNA expression of COX-2 and angiogenic factors in primary colorectal cancer and corresponding liver metastasis, Int J Oncol., 2009, 34(4), 1147-53
  52. Ii M, Yamamoto H, Adachi Y, Maruyama Y, Shinomura Y., Role of matrix metalloproteinase-7 (matrilysin) in human cancer invasion, apoptosis, growth, and angiogenesis, ExpBiol Med (Maywood), 2006, 231(1), 20-7
  53. Dorai T, Aggarwal BB., Role of chemopreventive agents in cancer therapy, Cancer Lett., 2004, 215(2), 129-40
  54. Stakleff KS, Sloan T, Blanco D, Marcanthony S, Booth TD, Bishayee A., Resveratrol exerts differential effects in vitro and in vivo against ovarian cancer cells, Asian Pac J Cancer Prev., 2012; 13(4), 1333-40
  55. Wang XH, Wu SY, Zhen YS., Inhibitory effects of emodin on angiogenesis, YaoXueXueBao, 2004, 39(4), 254-8
  56. Wu HT, Lin SH, Chen YH., Inhibition of cell proliferation and in vitro markers of angiogenesis by indole-3-carbinol, a major indole metabolite present in cruciferous vegetables, J Agric Food Chem., 2005, 53(13), 5164-9
  57. Huang SC1, Ho CT, Lin-Shiau SY, Lin JK., Carnosol inhibits the invasion of B16/F10 mouse melanoma cells by suppressing metalloproteinase-9 through down-regulating nuclear factor-kappa B and c-Jun, BiochemPharmacol., 2005, 69(2), 221-32
  58. Vanella L, Di Giacomo C, Acquaviva R, Barbagallo I, Li Volti G, Cardile V, Abraham NG, Sorrenti V., Effects of ellagic Acid on angiogenic factors in prostate cancer cells, Cancers (Basel), 2013, 5(2), 726-38
  59. Hanahan D., Weinber RA, the hallmarks of cancer, Cell, 2000, 100, 57-70
  60. Tashiro E, Tsuchiya A, Imoto M., Functions of cyclin D1 as an oncogene and regulation of cyclin D1 expression, Cancer Sci., 2007, 98(5), 629-35
  61. Tashiro E, Tsuchiya A, Imoto M., Functions of cyclin D1 as an oncogene and regulation of cyclin D1 expression, Cancer Sci., 2007, 98(5), 629-35
  62. Bretones G, Delgado MD, León J., Myc and cell cycle control, BiochimBiophysActa. 2014 Apr 1. pii: S1874-9399(14)00073-X
  63. Saha T, Kar RK, Sa G., Structural and sequential context of p53: A review of experimental and theoretical evidence, ProgBiophysMol Biol., 2014, S0079-6107(14)00187-4
  64. Joe AK, Liu H, Suzui M, Vural ME, Xiao D, Weinstein IB., Resveratrol induces growth inhibition, S-phase arrest, apoptosis, and changes in biomarker expression in several human cancer cell lines, ClinCancer Res., 2002, 8(3), 893-903
  65. Gloria NF, Soares N, Brand C, Oliveira FL, Borojevic R, Teodoro AJ., Lycopene and beta-carotene induce cell-cycle arrest and apoptosis in human breast cancer cell lines, Anticancer Res., 2014, 34(3), 1377-86
  66. Visanji JM, Thompson DG, Padfield PJ., Induction of G2/M phase cell cycle arrest by carnosol and carnosic acid is associated with alteration of cyclin A and cyclin B1 levels, Cancer Lett., 2006, 237(1), 130-6
  67. Parekh P, Motiwale L, Naik N, Rao KV., Downregulation of cyclin D1 is associated with decreased levels of p38 MAP kinases, Akt/PKB and Pak1 during chemopreventive effects of resveratrol in liver cancer cells, ExpToxicolPathol., 2011, 63(1-2), 167-73
  68. Chinni SR, Li Y, Upadhyay S, Koppolu PK, Sarkar FH., Indole-3-carbinol (I3C) induced cell growth inhibition, G1 cell cycle arrest and apoptosis in prostate cancer cells, Oncogene. 2001 May 24;20(23), 2927-36
  69. Ho K, Yazan LS, Ismail N, Ismail M., Apoptosis and cell cycle arrest of human colorectal cancer cell line HT-29 induced by vanillin, Cancer Epidemiol., 2009, 33(2), 155-60
  70. Sui JQ, Xie KP, Zou W, Xie MJ., Emodin inhibits breast cancer cell proliferation through the ERα-MAPK/Akt-cyclin D1/Bcl-2 signaling pathway, Asian Pac J Cancer Prev., 2014; 15(15), 6247-51
  71. Xie MJ, Ma YH, Miao L, Wang Y, Wang HZ, Xing YY, Xi T, Lu YY., Emodin-provoked oxidative stress induces apoptosis in human colon cancer HCT116 cells through a p53-mitochondrial apoptotic pathway, Asian Pac J Cancer Prev., 2014; 15(13), 5201-5
  72. Li TM, Chen GW, Su CC, Lin JG, Yeh CC, Cheng KC, Chung JG., Ellagic acid induced p53/p21 expression, G1 arrest and apoptosis in human bladder cancer T24 cells, Anticancer Res., 2005, 25(2A), 971-9)
  73. Pham NA, Jacobberger JW, Schimmer AD, Cao P, Gronda M, Hedley DW., The dietary isothiocyanatesulforaphane targets pathways of apoptosis, cell cycle arrest, and oxidative stress in human pancreatic cancer cells and inhibits tumor growth in severe combined immunodeficient mice, Mol Cancer Ther., 2004, 3(10), 1239-48
  74. Suppipat K, Park CS, Shen Y, Zhu X, Lacorazza HD., Sulforaphane induces cell cycle arrest and apoptosis in acute lymphoblastic leukemia cells, PLoS One, 2012; 7(12), e51251
  75. Elkholi R, Renault TT, Serasinghe MN, Chipuk JE., Putting the pieces together: How is the mitochondrial pathway of apoptosis regulated in cancer and chemotherapy?, Cancer Metab., 2014, 2:16
  76. Rodriguez M, Schaper J., Apoptosis: measurement and technical issues, JMol Cell Cardiol., 2005, 38(1), 15-20
  77. Shi Y., Mechanisms of caspase activation and inhibition during apoptosis, Mol Cell., 2002, 9(3), 459-70
  78. Niemi NM, MacKeigan JP., Mitochondrial phosphorylation in apoptosis: flipping the death switch, Antioxid Redox Signal., 2013, 19(6), 572-82
  79. Safarzadeh E, SandoghchianShotorbani S, Baradaran B., Herbal medicine as inducers of apoptosis in cancer treatment, Adv Pharm Bull., 2014, 4, 1, 421-7
  80. Chakraborty D, Bishayee K, Ghosh S, Biswas R, Mandal SK, Khuda-Bukhsh AR., [6]-Gingerol induces caspase 3 dependent apoptosis and autophagy in cancer cells: drug-DNA interaction and expression of certain signal genes in HeLa cells, Eur J Pharmacol., 2012, 694(1-3), 20-9
  81. Nigam N, George J, Srivastava S, Roy P, Bhui K, Singh M, Shukla Y., Induction of apoptosis by [6]-gingerol associated with the modulation of p53 and involvement of mitochondrial signaling pathway in B[a]P-induced mouse skin tumorigenesis, Cancer ChemotherPharmacol., 2010, 65(4), 687-96
  82. Huang C, Ma WY, Goranson A, Dong Z., Resveratrol suppresses cell transformation and induces apoptosis through a p53-dependent pathway, Carcinogenesis, 1999, 20(2), 237-42
  83. Vanamala J, Reddivari L, Radhakrishnan S, Tarver C., Resveratrol suppresses IGF-1 induced human colon cancer cell proliferation and elevates apoptosis via suppression of IGF-1R/Wnt and activation of p53 signaling pathways, BMC Cancer, 2010, 10, 238
  84. Kanematsu S, Uehara N, Miki H, Yoshizawa K, Kawanaka A, Yuri T, Tsubura A., Autophagy inhibition enhances sulforaphane-induced apoptosis in human breast cancer cells, Anticancer Res., 2010, 30(9), 3381-90
  85. Zhang XH, Chen SY, Tang L, Shen YZ, Luo L, Xu CW, Liu Q, Li D., Myricetin induces apoptosis in HepG2 cells through Akt/p70S6K/bad signaling and mitochondrial apoptotic pathway, Anticancer Agents Med Chem., 2013, 13(10), 1575-81
  86. Zhang X, Zhu Y, Duan W, Feng C, He X., Allicin induces apoptosis of the MGC-803 human gastric carcinoma cell line through the p38 mitogen-activated protein kinase/caspase-3 signaling pathway, Mol Med Rep., 2015, 11(4), 2755-60
  87. Chen DZ, Qi M, Auborn KJ, Carter TH., Indole-3-carbinol and diindolylmethane induce apoptosis of human cervical cancer cells and in murine HPV16-transgenic preneoplastic cervical epithelium, J Nutr., 2001, 131(12), 3294-302
  88. Rahman KM, Aranha O, Glazyrin A, Chinni SR, Sarkar FH., Translocation of Bax to mitochondria induces apoptotic cell death in indole-3-carbinol (I3C) treated breast cancer cells, Oncogene. 2000, 19(50), 5764-71
  89. Choi HS, Cho MC, Lee HG, Yoon DY., Indole-3-carbinol induces apoptosis through p53 and activation of caspase-8 pathway in lung cancer A549 cells, Food ChemToxicol., 2010, 48(3), 883-90
  90. Malik A, Afaq S, Shahid M, Akhtar K, Assiri A., Influence of ellagic acid on prostate cancer cell proliferation: a caspase-dependent pathway, Asian Pac J Trop Med., 2011, 4(7), 550-5
  91. Umesalma S, Nagendraprabhu P, Sudhandiran G., Ellagic acid inhibits proliferation and induced apoptosis via the Akt signaling pathway in HCT-15 colon adenocarcinoma cells, Mol Cell Biochem., 2015, 399(1-2), 303-13
  92. Salman H, Bergman M, Djaldetti M, Bessler H., Lycopene affects proliferation and apoptosis of four malignant cell lines, Biomed Pharmacother., 2007, 61(6), 366-9
  93. Dörrie J, Sapala K, Zunino SJ., Carnosol-induced apoptosis and downregulation of Bcl-2 in B-lineage leukemia cells, Cancer Lett., 2001, 170(1), 33-9
  94. Jaganathan SK, Mazumdar A, Mondhe D, Mandal M., Apoptotic effect of eugenol in human colon cancer cell lines, CellBiol Int., 2011, 35(6), 607-15
  95. Nyska A, Suttie A, Bakshi S, Lomnitski L, Grossman S, Bergman M, Ben-Shaul V, Crocket P, Haseman JK, Moser G, Goldsworthy TL, Maronpot RR., Slowing tumorigenic progression in TRAMP mice and prostatic carcinoma cell lines using natural anti-oxidant from spinach, NAO–a comparative study of three anti-oxidants, ToxicolPathol., 2003, 31(1), 39-51

Nutraceutica una nuova scienza

Nutraceutica

Negli ultimi anni, abbiamo assistito ad un progressivo aumento delle condizioni di benessere, e ci siamo abituati ad uno stile di vita veloce, frenetico, poco salutare verso il nostro organismo e verso la nostra psiche.
La conseguenza principale di tali fattori risiede nell’aumento di numerose patologie correlate con lo stress fisico, che include anche agenti di nocumento ambientali, e lo stress psicologico che contribuisce ad un’alterazione della fisiologica risposta immunitaria.
Patologie quali l’obesità, l’ipertensione, le epatopatie non alcoliche, le malattie infiammatorie croniche dell’intestino sono in largo aumento. Questo per noi rappresenta un campanello d’allarme che ci spinge a trovare soluzioni nuove ed efficaci.
Oggi possiamo parlare di prevenzione attraverso una corretta alimentazione, attraverso un corretto stile di vita. Di certo, per noi che studiamo nuove soluzioni nel settore di ricerca della Nutraceutica, la Medicina Integrata costituisce un importante oggetto di studio. Possiamo contribuire alla prevenzione con un metodo non invasivo. Per usare un termine vicino alla Medicina Tradizionale Cinese, possiamo fare una prevenzione dolce.